Seguici su

Energie rinnovabili

Fotovoltaico, l’Europa approva sanzioni antidumping contro la Cina

L’Europa come gli Stati Uniti vara manovre antidumping contro i pannelli fotovoltaici cinesi. Ma sarà la scelta giusta?

La Commissione europea ha approvato l’introduzione graduale delle tariffe antidumping sulle importazioni dei pannelli fotovoltaici, wafer e cellule provenienti dalla Cina. Per la verità, l’Europa si è proprio spaccata su questa importante decisione considerata la forte opposizione della maggior parte degli Stati membri e di gran parte delle aziende di settore, nonché dei cinesi (ovviamente).

Le tariffe sono provvisorie e saranno in vigore tra il 6 giugno e il 6 agosto con il dazio iniziale pari all’11,8% e sarà applicato a tutti i prodotti solari cinesi. Si pensi che le importazioni di pannelli solari cinesi sono pari a un volume di 21 milioni di euro nel 2011. Dal 6 agosto in poi il dazio aumenterà al 47,6%, ossia, secondo la Commissione:

il livello necessario per eliminare il pregiudizio causato dal dumping per l’industria europea.

Spiega Stephan Singer, direttore del programma Global Energy Policy presso il WWF:

Senza dubbio le lobby per il carbone, petrolio, gas e nucleare staranno stappando bottiglie di champagne, dato che la Commissione sembra non riuscire ad affrontare il loro persistente e nocivo impatto sulla natura e sulla società, ignorando inoltre gli altissimi sussidi ai combustibili fossili. Distruggere le nuove attività commerciali a basso impatto ambientale e intraprendere una guerra commerciale contro la Cina sulle tecnologie per l’energia pulita sono le ultime cose di cui abbiamo bisogno in questo momento.

La Commissione ha ribadito la sua disponibilità a proseguire le discussioni con gli esportatori cinesi e con la Camera di Commercio cinese, al fine di trovare una soluzione in linea con le normative commerciali europee. Il Commissario europeo al commercio Karel de Gucht ha dichiarato:

Questo non è il protezionismo, la Ue sta semplicemente applicando le regole del commercio internazionale, le stesse regole che dobbiamo rispettare. Ora la parola passa alla Cina.

E infatti la Cina ha ha tempo per trovare una soluzione fino al 6 agosto. Dunque, la preoccupazione in Europa è palpabile e riguarda gli installatori così come i produttori del silicio policristallino che vendono la materia prima ai produttori di pannelli cinesi e infatti secondo l’AFASE i dazi antidumping potrebbero costare 175 mila posti di lavoro nei prossimi tre anni in Europa.

Ha detto Thorsten Preugschas, CEO della tedesca Soventix GmbH e presidente AFASE:

C’è poco tempo utile per l’Europa e la Cina per trovare una soluzione condivisa. Evitiamo gli aumenti di prezzo e di considerare gli interessi di tutto il settore del solare in Europa.

AFASE ha anche preparato una petizione da firmare e che sarà poi inviata a Karel De Gucht per chiedergli di ritirare il provvedimento.

Via | PV-Magazine

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa