L’inquinamento atmosferico causa 5,5 milioni di morti premature all’anno

Nel 2013 più di 5,5 milioni di morti premature sono state causate dall’inquinamento atmosferico, ma visti i livelli record che l’inquinamento atmosferico ha toccato in questi ultimi due anni è probabile che il trend continuerà a far registrare una crescita nel futuro prossimo. Di questi 5 milioni e mezzo di persone, oltre la metà sono morti in Cina (1,6 milioni) e India (1,4 milioni) i due Paesi più popolosi del Pianeti e quelli in cui la crescita economica degli ultimi decenni si è scontrata maggiormente con le questioni ambientali.

Le emissioni delle centrali elettriche, delle automobili, delle industrie e di sistemi di riscaldamento inefficienti hanno contribuito in maniera determinante a fare dell’inquinamento atmosferico il quarto fattore di rischio per la morte nel mondo.

Il team di ricercatori dell’Università della British Columbia ha elaborato i dati provenienti da tutto il mondo evidenziando come l’inquianmento atmosferico contribuisca a malattie cardiache, ictus, cancro del polmone e altre malattie "allo stesso livello" di fattori killer quali il fumo, l’alta pressione sanguigna e la cattiva alimentazione.

La ricerca è stata presentata al meeting annuale dell’American Association for the Advancement of Science.


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 9 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO