Seguici su

Navi

Il Canale di Panama raddoppia, ma Nicaragua, Guatemala e Honduras lanciano la sfida

Nei prossimi 10 anni i tre Stati del Centro America si doteranno di corridoi intraoceanici per spezzare il monopolio del canale panamense costruito un secolo fa

È iniziata la corsa alle vie per unire l’Oceano Atlantico all’Oceano Pacifico in Centro America. L’obiettivo è spezzare il monopolio del canale di Panama i cui lavori si conclusero nel 1914, ma la cui attività iniziò solamente nel 1920. Dal 2014, proprio in occasione del Centenario della conclusione dei lavori, il canale sarà raddoppiato consentendo il transito di navi più grandi.

Da 93 anni il canale di Panama consente il passaggio dall’Atlantico al Pacifico in 4-5 ore, evitando la circumnavigazione dell’America Latina. Ma ora è partita una vera e propria competizione fra i Paesi del Centro America per allestire nuovi corridoi interoceanici che consentano ai Paesi “ospitanti” il ritorno economico degli onerosi pedaggi (nel 2008 il cargo MSC Fabienne pagò 317.142 dollari per un singolo transito).

Il corridoio interoceanico del Guatemala dovrebbe unire i dipartimenti di Santa Rosa (Pacifico) e di Izabal (Atlantico), per una lunghezza di 372 km. I lavori dovrebbero cominciare nel 2014 con un costo di 6808 milioni di euro.

Il canale secco dell’Honduras la cui data di inizio lavori verrà stabilita il prossimo 8 luglio, unirà Puerto Castilla e Amapala.

Il terzo canale concorrente sarà quello del Nicaragua il cui costo dovrebbe essere di 30.260 milioni di euro e di cui non è ancora stato chiarito il tragitto. Attualmente le ipotesi sui percorsi di navigazione sono sei e la decisione dovrà essere presa in tempi brevi visto che i lavori dovranno cominciare nel maggio 2014 per concludersi presumibilmente nel 2024. La lunghezza probabile è di 286 km.

Per quanto riguarda il canale di Panama (lungo 80 km), gli interventi di raddoppio, iniziati nel 2007 e in via di conclusione entro il 2014, sono costati “solo” 3.971 milioni di euro. Ai lavori ha preso parte anche l’italiana Impregilo. Le spese di raddoppio verranno coperte in meno di un anno visti i profitti stimati in 4690 milioni di euro l’anno.

Via | El Pais

Foto © Getty Images

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa