La crisi dell'auto in Italia: siamo in decrescita

In Italia le vendite sono in netto calo da sei anni e per il secondo anno di seguito le nuove immatricolazioni saranno meno delle radiazioni: è iniziata la fase della decrescita dell'auto. Prima ne diventeremo consapevoli meglio sarà.

Ogni mese i media raccontano che il mercato dell'auto è in calo, come se fosse un influenza passeggera, in grado prima o poi di passare. Raramente si guarda alla larger picture, anche se i dati sono facilmente consultabili sul sito ACI.

Il grafico in alto mostra l'andamento degli ultimi trent'anni; dopo il calo congiunturale di tangentopoli, le vendite di auto si sono riprese solo per effetto delle campagne di rottamazione, ma il picco delle vendite è stato raggiunto nel 2007 perché da sei anni le vendite sono inesorabilmente in calo.

La situazione è in realtà ancora più critica se consideriamo le immaticolazioni nette, cioè le immatricolazioni meno le radiazioni (grafico in basso). In questo caso la crisi è partita da più lontano, fin dal 1999 e nel 2012 per la prima volta nella storia del motore c'è stato un saldo negativo.

In altre parole, il parco auto circolante per la prima volta ha iniziato a diminuire, tendenza che verrà confermata anche quest'anno. I segnali della crisi c'erano già a metà 2008, quando per la prima volta ho parlato di "picco dell'auto".

I costruttori di auto avrebbero avuto tutto il tempo per adattarsi al picco del petrolio: veicoli più piccoli e leggeri oppure auto, moto o biciclette elettriche (1). Sono andati ostinatamente nella direzione opposta e non si possono stupire se sempre meno persone sono disposte a dedicare più di un sesto della propria vita per reperire le risorse per accudire ad un'auto.

A proposito, l'immagine sullo sfondo del grafico qui sotto è una scultura intitolata Carhenge e si trova nel Nebraska; il riferimento a Stonehenge è evidente.

 

(1) Un'auto elettrica difficilmente potrà avere le stesse prestazioni di un'auto a combustione, perchè la densità energetica del petrolio è ineguagliabile (non per niente ci sono voluti milioni di anni per produrlo...); tuttavia, investendo adeguatamente in ricerca sarebbe possibile ottenere risultati più che soddisfacenti, a giudicare da quanto si è già ottenuto con il poco che si è fatto.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: