Seguici su

Acqua

Sequestro 4 delfini di Rimini confermato, MareVivo e LAV nelle piazze per la petizione #LAVeraliberta

LAV e Marevivo hanno aperto la campagna #LAVeraliberta con una nuova petizione da firmare in centinaia di piazze italiane i prossimi 5 e 6 aprile, per chiedere che non vi siano mai più delfinari

I prossimi 5 e 6 aprile in centinaia di piazze italiane sarà possibile firmare la petizione della LAV e di Marevivo per chiedere al governo italiano: una nuova legge che vieti l’importazione di delfini e di altri cetacei a fini di spettacolo; la dismissione entro tre anni dei delfinari e altre strutture simili; la creazione del primo “rifugio” per delfini.

La petizione fa parte della campagna #LAVeraliberta partita ieri e proseguita oggi con una prima raccolta di firme. E proprio venerdì la Corte di Cassazione ha confermato il sequestro preventivo per i 4 delfini che si trovavano al delfinario di Rimini. Ricordano LAV e Marevivo che è questa una prima azione del genere in Italia il che potrebbe confermare l’ipotesi di reato di maltrattamento. Ora il progetto prevede che i delfini siano reinseriti in mare attraverso un programma di rieducazione. A supportare scientificamente il progetto di reinserimento Naomi Rose che tra i tanti crediti vanta anche la collaborazione con il comitato scientifico dell’International Whaling Commission (IWC) e le docenze in tre università americane. I delfini quando vivono nel loro abitato possono percorrere ogno giorno anche 100 Km, comunicano tra di loro, hanno una vita sociale complessa e la prigionia in piccole vasche li rende tristi e infelici.

Recentemente sono stati restituiti alla libertà due delfini tursiopi Tom e Misha tenuti prigionieri nel piccolo delfinario Hisaronou, nell’est della Turchia la cui riabilitazione è durata 20 mesi.
Sono stati liberati il 9 maggio del 2013 e per 9 mesi sono stati monitorati per seguirne l’evoluzione. Dopo poco tempo si erano già uniti a gruppi di altri delfini.

Laura Gentile di Marevivo e Roberto Bennati di LAV lanciano un appello congiunto:

Ai cittadini chiediamo di non andare a visitare i delfinari, per non essere complici di questa inaccettabile prigionia, e di sostenere la nostra campagna sottoscrivendo questa petizione. Le nostre investigazioni confermano che in Italia i delfinari non hanno alcuna funzione educativa né scientifica o di conservazione della specie, ovvero non rispettano queste caratteristiche obbligatorie per legge, facendo invece spettacolo: un inganno che i cittadini devono conoscere e a cui dobbiamo mettere fine. La denuncia di queste violazioni ha determinato un primo risultato: il sequestro del Delfinario di Rimini, emblema degli zoo d’acqua.

Per sostenere LAV è anche possibile acquistare le uova di pasqua in cioccolato fondente proveniente da commercio equo e solidale.

Via | Comunicato stampa
Foto | [email protected]

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa