Alla fiera di San Bernabé tra uomini, animali e cactus

A spasso in un mercato popolare messicano vivace e colorato, dove i piccoli allevatori locali comprano e vendono il bestiame


La plaza ganadera de Puente San Bernabé è la più grande fiera degli animali dello Stato del Messico, e raccoglie ogni settimana oltre 5000 tra bovini, ovini, equini e suini e oltre 10000 umani.

Si tratta di una fiera tradizionale, come si usava anche in Italia qualche decennio fa, e che ora nel nostro paese si può vedere quasi solo in qualche sagra.

A San Bernabé invece ogni lunedì si pratica un commercio su piccola scala che coinvolge pochi animali alla volta, che passano di mano dopo contrattazione e pagamento in contanti. Per chi non si fida, è disponibile anche una bilancia.

Il mercato appartiene a un Ejido, cioè ad una delle tante comunità rurali nate dalla redistribuzione dei latifondi dopo la rivoluzione del 1910. L' Ejido riceve da ogni venditore 15 pesos (poco meno di un euro) e fornisce la certificazione che gli animali sono stati venduti lì e non al mercato nero. E' anche presente un veterinario dell'Università che controlla lo stato di salute degli animali.

san-bernabe-9

La fiera del bestiame è naturalmente circondato da un altro mercato, allegro, rumoroso e colorato, dove si vende un po di tutto (vedi la gallery dell'autore): tacos, spremute di agrumi, utensili, pezzi di ricambio recuperati da vecchie macchine, vestiti, selleria, e foglie di cactus.

Qui il paesaggio è verde e collinare, e solo il caldo ci ricorda che non siamo in Europa. Qui non ci sono i cactus dei film western, ma si vendono invece le foglie di nopal, uno dei più tipici ingredienti della cucina messicana. Ma questa è un'altra storia e verrà raccontata un'altra volta.

Maniscalco
Alla fiera di San Bernabé nel cuore del Messico

  • shares
  • Mail