Greenpeace, flash mob anti-trivelle a Firenze

Finto cantiere di perforazione a piazzale Michelangelo: “Per reclami contattate @matteorenzi”

Manca poco più di una settimana al referendum anti-trivelle e il fronte del sì (e del raggiungimento del quorum) si ricompatta con iniziative in tutta la penisola e una promozione sul web che tenta di bucare il silenzio dei media mainstream sul voto del prossimo 17 aprile.

A Firenze, un gruppo di attivisti di Greenpeace ha installato una finta trivella a piazzale Michelangelo, simulando le attività di perforazione di un pozzo petrolifero. È stato allestito un cantiere, con al centro una struttura di perforazione alta 7 metri. A gestire le operazioni, la compagnia immaginaria Trivella Italia che ha recintato l’area con cartelloni pubblicitari: “Trivella Italia S.p.A. Il tuo Paese, il nostro profitto” oppure “Stiamo trivellando la tua città, ci scusiamo per il disagio, per reclami contattare @matteorenzi”.

Durante la protesta gli attivisti di Greenpeace hanno ricordato come dalle piattaforme oggetto del referendum provengano il 2-3% del gas consumato ogni anno in Italia e lo 0,8% del petrolio.

Sono 88 gli impianti presenti nel territorio nazionale: 35 di questi non erogano più nulla e tre quarti di essi hanno una produzione estremamente limitata.

Contrariamente a quanto il fronte del no vuole far credere, le piattaforme petrolifere non verranno subito dismesse, ma nel giro di dieci anni, consentendo di tutelare l’esigua occupazione legata al loro funzionamento e senza determinare alcun tipo di deficit energetico, né l’aumento delle importazioni di fonti fossili.

Il voto del 17 aprile è il modo con il quale gli italiani possono dire la loro, direttamente, sull’indirizzo da dare alla politica energetica nazionale.

Via | Greenpeace

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail