L’Australia si è spostata: bisogna cambiare le mappe

australia.jpg
D’accordo, non se né accorto nessuno, ma l’Australia si è spostata di un metro e mezzo. Bisogna cambiare le mappe geografiche e spostare il subcontinente australiano un metro e mezzo più a Nord.

Il più grande Paese dell’Oceania si è spostato a una velocità di 7 centimetri all’anno fra il 1994 e il 2015, quindi di poco meno di un metro e mezzo in un ventennio. Si tratta di un movimento tutt’altro che trascurabile in termini geologici e l’Istituto australiano delle scienze geofisiche sta riflettendo sulle modalità delle modifiche da apportare alle coordinate dell’intero paese.

Bisogna farlo se si vuole far coincidere carte geografiche e Gps, in caso contrario ci sarà sempre uno scarto di un metro e mezzo.

A produrre questo slittamento verso Nord è la tettonica delle placche e il conseguente movimento del subcontinente.

Se la differenza nelle coordinate è così grande è soltanto perché l’ultima volta che questo lavoro è stato fatto è stato nel 1994. Ora una commissione è al lavoro per determinare tutte le nuove coordinate e l’aggiornamento sarà effettivo all’inizio del 2017. Questo tipo di operazione verrà ripetuta ogni venti anni poiché la placca continentale dell’Australia è la più rapida dell’intero pianeta.

Via | Rfi

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail