Seguici su

Natura

Terremoto in Giappone: a Tokyo i grattacieli oscillano ma non c’è allarme tsunami

La scossa, intensa come quella che devastò L’Aquila nel 2009, non ha causato danni a cose e persone

Un terremoto di magnitudo 6.2 Richter si è verificato in pieno giorno in Giappone alle 16:23 locali (le 8:23 in Italia): la scossa, di medio-alta intensità anche per gli standard giapponesi (qui tutte le scosse registrate ieri nel Paese del Sol levante), paese abituato a tremare più volte al giorno e, per questo, piuttosto avanguardista per quanto riguarda la sicurezza, ha fatto oscillare i grattacieli e gli edifici più alti di Tokyo per qualche decina di secondi.

L’epicentro del sisma è stato registrato, secondo Japan Metereological Agency, a circa 143km a nord-ovest della capitale nipponica a circa 9km di profondità ed è stato seguito, poco dopo, da una seconda scossa (definita di assestamento) di magnitudo 4.7 Richter.

Al momento non risultano danni a cose o persone. Per dare la misura dell’intensità di questa scossa, basti pensare che quella che il 9 aprile 2009 devastò L’Aquila fu di magnitudo 6.3.

L’attenzione del pianeta si è poggiata su questo ennesimo evento sismico in Giappone a causa proprio dell’intensità della scossa, che ha fatto temere un nuovo allarme tsunami, con tutti i rischi conseguenti che ricordiamo tutti, dopo il disastro di Fukushima.

Takayuki Fukuda, un funzionario dei vigili del fuoco di Nikko, nella prefettura di Tochigi, a pochi chilometri dall’epicentro, ha riferito alla tv Nhk:

C’è stata una scossa verticale di una decina di secondi. Non è caduto niente dagli scaffali e non si è registrato alcun danno ai vetri. Ci stiamo comunque preparando per pattugliare la città.

La Japan Metereological Agency, rapidamente e dopo accurate verifiche, ha diramato immediatamente un comunicato alla stampa nipponica per scongiurare il panico derivante da un rischio tsunami: non sono attese onde anomale nonostante l’intensità sia stata di 5+ (su una scala di 7, quella utilizzata in Giappone).

Per precauzione, secondo le linee guida contenute nelle procedure di sicurezza, sono stati momentaneamente fermati i mitici treni proiettile Shinkansen e sono state immediatamente inviati degli ispettori in tutti gli impianti nucleari presenti nell’area del sisma, tra cui anche i reattori 1 e 2 di Fukushima-Daiichi, proprio quelli interessati dallo tsunami del 11 marzo 2011. L’agenzia stampa Jiji parla anche di allarme valanghe.

La Tepco, Tokyo electricity power company, gestore dell’impianto nucleare, ha spiegato che non sono state segnalate anomalie di alcun tipo, nè a Fukushima nè altrove (lo ricordiamo, il terremoto dell’11 marzo 2011 aveva avuto origine in mare ed era stato di 9.0 di magnitudo Richter).

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa