Chicco Testa a Ecoblog.it: "Per le rinnovabili la coperta è corta e il Desertec è una minchiata"


Con la Rete dei giornalisti per l'ambiente abbiamo intervistato Chicco Testa presidente di Assoelettrica in merito alle rinnovabili. Testa è un personaggio e abile comunicatore che qualcuno ricorderà in merito alla scorsa tornata referendaria essendosi speso per il pro nucleare (salvo poi essere smentito dal disastro di Fukushima) con qualche grana.

Siamo partiti da un pamphlet segnalato proprio ieri da Testa sul sito di Assoelettrica: Chi ha ucciso le rinnovabili?

Il succo del discorso di Testa è semplice: la coperta è corta e diamo soldi a chi sta soffrendo di più; ovvero sganciamo il fotovoltaico dagli incentivi per lasciarlo andare da solo sulle sue gambe e aiutiamo i produttori di energia che ne hanno più bisogno. Indovinate chi?

Per un ora e passa Chicco Testa non si è sottratto alle nostre domande vero fuoco di fila assetati come siamo di avere notizie e informazioni, ma alla fine emerge che le rinnovabili non bastano a assicurare il bisogno di energia, che però nel frattempo in Italia è calato a causa della crisi; che abbiamo per l'occasione con il nucleare; che in Germania hanno rinunciato al nucleare e useranno il carbone. Insomma la giaculatoria di chi Cicero pro domo sua mette sul piatto della bilancia solo quello che gli occorre tenendo fuori interessi e valutazioni di più ampio respiro e lunga gittata.

Infatti nel caso del desertec ci risponde:

Una minchiata!

testuali parole. Puntare sul gas, l'Italia è l'unico Paese che può fare stoccaggi di gas.

Insomma godetevi l'intervista perché alla fine abbiamo anche la chicca sul Movimento 5 stelle.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: