Vehicle-to-Grid: Nissan ed E.ON Drive ne mostrano i vantaggi

La tecnologia Vehicle-To-Grid offre enormi vantaggi energetici, lo dimostra uno studio Nissan, E.ON Drive e dell’Imperial College di Londra.

La tecnologia Vehicle-to-Grid, resa possibile dalle auto elettriche, potrebbe portare a grandi vantaggi per tutti. È questo quello che emerge dal Libro Bianco realizzato da Nissan, E.ON Drive e dall’Imperial College di Londra: la ricarica bidirezionale dei veicoli elettrici può ridurre i costi della rete elettrica di ben 980 milioni di euro ogni anno.

Il tutto all’interno del progetto “e4Future”, nato per l’analisi del V2G per le flotte commerciali, allo scopo di dimostrare come la mobilità elettrica non sia solo sostenibile per l’ambiente, ma anche una risorsa economicamente proficua.

Vehicle-to-Grid: i vantaggi

La tecnologia Vehicle-to-Grid permette alle auto elettriche di cedere energia sulla rete, oltre che a riceverla durante le fasi di ricarica. Chiamata anche “ricarica bidirezionale”, questo sistema è stato pensato per recuperare energia preziosa in moltissimi contesti, dall’alimentazione elettrica casalinga alla gestione dei blackout, nonché molto altro ancora.

Nissan, in collaborazione con E.ON Drive e l’Imperial College di Londra, ha voluto analizzare i vantaggi della tecnologia V2G, attraverso le Nissan Leaf ed e-NV200, i due veicoli abilitati più diffusi nel Regno Unito. Ne è quindi nato un Libro Bianco che si propone non solo di mostrare i vantaggi di questa tecnologia, ma anche di fornire le linee guida per l’adozione diffusa del Vehicle-to-Grid, come ad esempio l’introduzione di incentivi dedicati e molto altro ancora.

Pubblicato dopo il primo testo V2G condotto lo scorso agosto nel Regno Unito, presso il Nissan European Technical Centre di Cranfield, il Libro Bianco ha evidenziato i seguenti benefici:

  • Riduzione sui costi di sistema tra i 454 e i 980 milioni di euro l’anno;
  • Riduzione delle emissioni di CO2 dal sistema elettrico fino a -243 gCO2/km;
  • Risparmio di 13.300 euro l’anno per auto elettrica sui costi operativi del sistema elettrico;
  • Riduzione dei costi di ricarica dei parchi auto V2G da 775 a 1.385 euro l’anno.

Goran Strbac, titolare della cattedra di sistemi elettrici all’Imperial College London, ha così commentato i risultati ottenuti:

La nostra ricerca ha dimostrato che la tecnologia V2G può offrire vantaggi economici sostanziali al sistema elettrico, oltre a ridurre le emissioni di anidride carbonica. Lo studio ha rivelato che la flessibilità aggiuntiva fornita dalle flotte V2G può migliorare notevolmente l’efficienza del sistema e ridurre gli investimenti nelle soluzioni di nuova generazione a basse emissioni, rispettando al contempo gli obiettivi nazionali di decarbonizzazione.

Fonte: Nissan

I Video di Ecoblog