Salvaguardia ambientale: stop alla plastica monouso in Europa

Iniziativa importante sul fronte della salvaguardia ambientale da parte del Parlamento Europeo, che vieterà le plastiche monouso in UE. Il ministro Costa: "Voto storico".

Ieri il Parlamento Europeo ha votato una direttiva, che entrerà in vigore a partire dal 2021, bandendo dal territorio UE alcuni oggetti in plastica monouso. Si tratta di un passo in avanti significativo nell'ottica della salvaguardia ambientale.

Ad essere interessati dal provvedimento saranno, fra gli altri, posate e piatti in plastica, cannucce, bastoncini di cotone, contenitori per alimenti e coppe in polistirolo, destinati ad essere vietati in un futuro prossimo nel Vecchio Continente, che vuole combattere anche in questo modo la sua battaglia green.

Nella direttiva sono inoltre previsti degli incentivi al settore industriale per lo sviluppo di alternative meno inquinanti. Agli stati membri il dovere di raggiungere, entro il 2025, un livello di raccolta del 90 per cento delle bottiglie di plastica monouso per bevande, introducendo sistemi di cauzione-deposito. A loro carico anche un impegno teso alla sensibilizzazione dei consumatori sull'incidenza negativa della dispersione nell'ambiente dei prodotti in plastica.

Il provvedimento varato in aula dal Parlamento Europeo viene accolto positivamente dal Ministro dell'Ambiente Sergio Costa: "Lo considero un voto storico: il cammino per arrivare allo stop della plastica monouso in UE è realtà. Appena l'iter formale sarà concluso, orientativamente a fine aprile, ci attiveremo immediatamente per il recepimento della direttiva in Italia".

"Adesso - aggiunge Costa- è nostro compito valutare con attenzione i parametri imposti dalla Direttiva Europea e applicarla nel più breve tempo possibile. La plastica monouso è dannosa, va abolita e messa al bando senza esitazione".

Fonte | Ministero dell'Ambiente

  • shares
  • Mail