Seguici su

Alimentazione

Zucchero: come le aziende ingannano i consumatori e spingono a consumarne di più

In occidente il consumo di zucchero è il doppio di quanto raccomandato, causa di molti problemi salutari, ma la pubblicità spinge a consumarne sempre di più, scondo uno studio della Union of Concerned Scientists.

Mangiamo troppo zucchero e questo fa molto male alla nostra salute: secondo la FAO in Italia si consumano 80 grammi al giorno di saccarosio, cioè il doppio di quanto è ritenuto necessario per l’organismo.

Le conseguenze per la salute sono evidenti, dal diabete di tipo 2 (3 milioni di diagnosticati in Italia e altrettanti a rischio) all’obesità (10% della popolazione italiana).

Ciononostante, i consumi non diminuiscono perchè sono costantemente incoraggiati dalle campagne pubblicitarie aggressive e talvolta fuorvianti dell’industria alimentare, come acutamente analizza un recente rapporto della Union of Concerned Scientist (UCS).

Uno dei meccanismi più diffusi è ingannare i consumatori mettendo sul mercato versioni più zuccherate di marchi noti e percepiti come salutari. Come si vede dall’immagine in fondo, nel caso dei cereali, la versione più zuccherina contiene da 2 a 10 volte più saccarosio di quella di riferimento, ma l’immagine di salubrità del prodotto non fa percepire questa differenza.

Analogamente, fare riferimento alla frutta, nel nome o nelle immagini, può dare a un prodotto un’immagine più salutare di quello che è in realtà.

La quantità di zucchero nelle bevande analcoliche è molto elevate (guarda il video!), pari a circa il 10-11%, ma non viene molto percepito quando vengono consumate gelate.  Due lattine di Cola equivalgono a una volta e mezzo il consumo giornaliero raccomandto di zucchero! Queste considerazioni valgono poco rispetto agli oltre 800 milioni di dollari spesi ogni anno da Pepsi e Coca per fare pubblicità ai propri prodotti negli USA.

Secondo la UCS, la pubblicità dello zucchero è particolarmente aggressiva verso i soggetti più vulnerabili e più deboli: questo non riguarda solo i bambini, ma anche i supermercati delle zone più povere della città, dove i buoni sconto riguardano maggiormente il cibo spazzatura ricco di zuccheri.

Se da un lato occorre una maggior regolamentazione della pubblicità dello zucchero, dall’altra non è difficile oggi accrescere la nostra consapevolezza: prima di agire di impulso mettendo i prodotti nel carrello, basta fermarsi un attimo a leggere gli ingredienti.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa