Seguici su

Acqua

Biodiversità, grande ricchezza a rischio

La straordinaria ricchezza di vita del nostro pianeta è a rischio per sovrasfruttamento, distruzione degli habitat, specie invasive e estinzioni a catena. Questo dipende anche dai nostri consumi. Mangiare meno carne ed evitare l’olio di palma può essere il nostro contributo per preservare la biodiversità

Oggi è la giornata internazionale della biodiversità; non è una ricorrenza che interessa solo i biologi e gli addetti ai lavori, dal momento che rappresenta la straordinaria ricchezza della vita. Questo pianeta ospita due milioni di specie conosciute di esseri viventi, ma si ritiene che il numero totale, tra la terra e il mare possa raggiungere gli undici milioni.

Ogni specie interagisce con le altre in modi complessi all’interno dell’ecosistema. Nel nostro passato ci sono state estinzioni, ma anche speciazioni, per cui grosso modo possiamo dire che la biodiversità è andata aumentando con il tempo, almeno fino ad ora.

La biodiversità è importante per la buona salute della natura. Secondo l’opinione concorde dei ricercatori, la biodiversità aumenta la stabilità degli ecosistemi, mentre la sua perdita riduce l’efficienza con cui la comunità vivente cattura risorse essenziali, produce biomassa e ricicla i nutrienti.

In secondo luogo, sono innumerevoli i benefici che la biodiversità apporta ai 7 miliardi di homo sapiens. In forte sintesi possiamo dire che la maggiore ricchezza e diversificazione delle specie migliora i raccolti agricoli, protegge dai parassiti e fornisce maggiore sicurezza alimentare. Non dimentichiamo poi che almeno la metà dei nostri medicinali è tratta da piante, animali o microorganismi. La cura per il cancro o per le malattie degenerative potrebbe trovarsi proprio in una delle tante specie che popolano le foreste pluviali e che ancora non conosciamo

Oggi la biodiversità è in grave rischio. Jared Diamond parla del quartetto malvagio: distruzione degli habitat, sovrasfruttamento delle risorse, introduzione di specie invasive e estinzioni secondarie a catena.  A questo elenco andrebbe aggiunto anche l’ inquinamento genetico prodotto dagli OGM e naturalmente i cambiamenti climatici effetto e causa di tutti gli elementi del quartetto.

I danni che possiamo fare sono molteplici, ma è bene ricordarne uno in particolare, un vero crimine contro la natura, cioè il taglio della foresta tropicale, un vero e proprio santuario di biodiversità, per fare posto a nuove monoculture di un’unica specie. Ciò riguarda in particolare due prodotti: l’ olio di palma, in Asia Orientale, e la soia, in America Latina.

Forse non ci abbiamo mai pensato, ma il modo in cui mangiamo può avere un grande effetto sulla biodiversità, dato che l’olio di palma si trova in quasi tutti i biscotti, le creme e i prodotti da forno mentre la soia è un componente essenziale nell’allevamento intensivo degli animali.

Le scelte dell’industria alimentare e la spinta ad un sempre maggiore consumo di carne in Europa sta portando ad una vera e propria devastazione degli ecosistemi in altre parti del mondo. Mangiare meno carne e leggere bene le etichette per trovare i pochi prodotti senza grasso di palma è un buon modo per iniziare a tutelare la biodiversità.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa