Seguici su

ECOLOGIA

Uranio Impoverito: vietato da 35 anni, arma fantasma nei conflitti dell’ultimo ventennio

Da decenni se ne conoscono gli effetti nocivi ma non è mai cessato l’utilizzo. A Basra, in Iraq, le nuove generazioni sono segnate dall’esposizione

Vietato dall’Onu nel 1978, con una risoluzione proposta niente meno che dagli Stati Uniti, l’uranio impoverito è diventato l’arma fantasma di alcuni dei conflitti che hanno contraddistinto l’ultimo quarto di secolo. Nonostante si contino ormai centinaia di migliaia di malati di linfoma di Hodgkin in tutto il mondo, questo “veleno”, con il quale i proiettili vengono rivestiti per diventare maggiormente penetranti e nocivi, continua a essere utilizzato e a mietere vittime, non solo fra i militari. Anzi, sono proprio i civili che non dispongono delle opportune protezioni i più esposti agli effetti nocivi della sostanza.

Quando un proiettile all’uranio impoverito colpisce il bersaglio, le nanoparticelle di metalli pesanti non degradabili si depositano nel raggio di alcune decine di metri e si espandono ancor più lontano sotto forma di aerosol. Una volta inalate o assorbite dal corpo le nanoparticelle aggrediscono dapprima il sistema respiratorio e successivamente gli altri apparati scatenando tumori, leucemie e linfomi e deformazioni nei figli degli ammalati.

Un incubo che è incominciato dopo la prima Guerra del Golfo, quella in cui gli Stati Uniti scaricarono su Kuwait, Iraq e Arabia Saudita 286 tonnellate di Uranio Impoverito. L’eredità di quel conflitto furono le decine di migliaia di ammalati di quella che venne ribattezzata la “sindrome del Golfo”. Nelle alte sfere degli eserciti occidentali molti sanno e tutti tacciono. L’UI continua a essere utilizzato nella missione Restore Hope in Somalia (1993) e anche dalle forze Kfor (Kosovo Force). Stavolta però c’è una differenza: mentre gli eserciti più evoluti (Usa, Olanda) si attrezzano, i nostri militari vengono mandati allo sbaraglio, senza alcuna protezione. E i malati sono tanti, troppi.

Le raccapriccianti immagini delle deformità dei neonati e le storie dei militari impegnati in una solitaria lotta per la sopravvivenza non raggiungono i media mainstream e faticano a trovare spazi anche negli spazi di controinformazione. Eppure i numeri sono uno schiaffo a ogni forma di scetticismo: 305, finora, le vittime dell’uranio in Italia, oltre 3000 gli ammalti di cui 30 versano in gravi condizioni.

Il problema, però, è globale. Qualche settimana fa il magazine tedesco Der Spiegel ha raccontato il dramma di Basra, città irachena nella quale si è ormai perso il conto dei casi di aborti e di neonati affetti da cancor, deformazioni e cecità. Tra il 1994 e il 2003 il numero di aborti a Basra è aumentato di sette volte: 23 bambini su mille nascono morti, una percentuale molto simile a quella che si registra a Falluja.

Anche nelle città dell’ex-Jugoslavia bombardate negli anni Novanta le malattie sono aumentate ed è molto probabile che nel futuro prossimo il problema si riproponga in Libia e in Siria. Perché l’uranio impoverito non è soltanto un arma letale: è anche il modo per trasformare in guadagno l’ingente voce di spesa di un’industria del nucleare priva di scrupoli.

Foto © Getty Images

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa