Marte, la "foratura" di Curiosity: siete mai stati sul Pianeta Rosso?

Il robot della Nasa Curiosity ha trivellato la roccia di Marte per la prima volta, prelevando il primo campione da analizzare per scoprire i segreti del pianeta rosso: questa mattina l'agenzia spaziale americana ha pubblicato le immagini (di cui qui sopra la più emblematica) trasmesse da Curiosity del buco, profondo 1,6cm e largo 2,5cm.

Il robot-laboratorio americano ha scelto la roccia sedimentaria ribattezzata "John Klein", scelta perchè la sua conformazione fa presumere la possibiltà che questa possa contenere alcune importanti informazioni geologiche sulla possibile presenza in passato di ambienti umidi. Ora Curiosity ha la possibilità di dare qualche risposta.

Ma la vera domanda è: voi siete mai stati su Marte?

La risposta la conosco già. A meno che non siate Superman, o che non siate Curiosity, in tal caso approfitto per farvi i miei complimenti, sono certo che nessuno sia mai stato sul Pianeta Rosso, quello che da millenni affascina le fantasie degli uomini.

Mi permetterò allora di farvi un regalo gradito: cliccando qui, proprio dal punto trivellato dal Rover Curiosity, e giocando un po' con mouse e tastiera potete permettervi di girovagare un po' su Marte.

Mai nella storia delle esplorazioni spaziali la ricerca e le amibizioni dell'uomo sono state così alla portata della conoscenza di tutti; ha dichiarato John Grunsfeld, amministratore aggiunto della Nasa per le missioni scientifiche:

Il robot planetario più avanzato che sia mai stato progettato è ora un laboratorio di analisi pienamente operativo su Marte. Questo è il risultato più importante per il gruppo di Curiosity dal momento dell'atterraggio dello scorso agosto.

ha detto riferendosi alla "foratura" eseguita dal robot; nei prossimi giorni il materiale polveroso prelevato verrà trasferito dal trapano, usato per forare il suolo marziano, ad una sorta di cucchiaio su cui sarà possibile osservarlo attentamente anche dalla Terra.

Foto | Nasa

  • shares
  • Mail