Nasce il Manifesto Territorio zero ispirato a Petrini, Rifkin e Connet

I tre moschettieri del consumo zero: Carlo Petrini (Km0) Jeremy Rifkin (emissioni 0) e Paul Connet (Rifiuti 0) hanno ispirato il Manifesto Terriotrio zero, ossia il programma politico amministrativo per il futuro scritto dal professore Livio De Santoli e dall'economista Angelo Consoli

I tre moschettieri del consumo zero, ossia Carlo Petrini di Slow Food dei prodotti agricoli a Km0, Jeremy Rifkin anima della terza rivoluzione industriale che si fonda sull'idrogeno ovvero emissioni 0 e Paul Connet colui che mette in atto la pratica dei rifiuti zero sono i punti di riferimento di Territorio zero manifesto per una politica che si fondi sul rispetto per ambiente, risorse e salute. Il Manifesto che è anche libro (edito da Minimum Fax) ideato, scritto e promosso da Angelo Consoli e Livio De Santoli.

Il decalogo messo a punto aiuta a districarsi tra il vero e il falso di chi propone soluzioni oramai obsolete e chi invece propone soluzioni che portano alla neo crescita che si basa sul consumo corretto delle risorse e sopratutto sulla condivisione equa delle stesse.

Parole al vento? La presentazione fatta da Consoli e De Santoli è a contrario molto pragmatica e prevede la partecipazione diretta degli amministratori che firmando il Manifesto si impegnano a metterlo in pratica. A oggi vi sono già delle adesioni: Provincia di Catania, Provincia di Potenza, Comune di Nettuno, Comune di Cerveteri,Comune di Capannori, Comune di Ascoli Satriano, Comune di Altavilla Milicia, Comune di Rieti e Comune di Fiano Romano.

Foto | Cetri-Tires

Grazie a Andrea Paracchini per la segnalazione

  • shares
  • Mail