Fare il bucato con le noci

noci per bucato Basta mettere un sacchetto di noci particolari al posto del detersivo e far andare la lavatrice a 30°, la saponina presente naturalmente nei frutti farà il resto.

Lo stesso sacchettino di noci può essere riutilizzato fino a 3 volte e poi lo si può gettare nell'umido o spargerle in giardino per farle diventare concime. Un sacchetto di noci da 1 kg, che costa al consumatore 20,00 Euro, è sufficiente per un anno per una famiglia che faccia 3 lavatrici a settimana.

Il decotto preparato facendo bollire alcuni gusci in acqua per qualche minuto, può essere utilizzato per le pulizie dei sanitari, delle stoviglie, dei pavimenti e degli animali domestici. La noce del sapone è assolutamente anallergica. A garanzia della qualità umana della produzione c'è anche la certificazione Transfair.

Le noci da bucato vengono da piante (Sapindus mukorossi) che crescono nel nord dell'India e Nepal e sono importate in Italia da una azienda che si chiama Bioline (Gorizia bioline@adriacom.it) che poi le passa al Contropodere (contropodere@tiscali.it) che, a sua volta, rifornisce botteghe del mondo e Gruppi di Acquisto Solidali. In Germania le usano già da qualche anno, in India e in Nepal si usano, ovviamente, da secoli.
Da noi in Europa si usava una pianta (la saponaria) per lo stesso motivo: le saponine.

  • shares
  • +1
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: