Seguici su

Acqua

I cianobatteri salveranno il nord della Cina dalla desertificazione?

Nel giro di 8 anni i cianobatteri possono facilitare la formazione del suolo moltiplicando per 20 la quantità di carbonio organico e permettendo la diffusione di numerose specie vegetali dove prima c’erano solo dune di sabbia.

Un insospettabile alleato potrebbe rallentare lo spread del deserto cinese; nel nord est del paese la frontiera del deserto del Gobi è una terra desolata di dune sabbiose cge avanza lentamente.  I batteri potrebbero però fornire un inversione di tendenza, dando una nuova opportunità alla vita.

La desertificazione è un grande problema per la Cina. L’eccesso di pascolo ha distrutto buona parte del fragile strato di licheni alghe e muschi che vincola la sabbia e il suolo al terreno. Lasciate libere, le sabbie possono ricoprire strade e ferrovie, mentre le tempeste di sabbia possono colpire le fattorie ed anche intere città, come si può vedere dal video amatoriale in fondo al post.

I programmi tradizionali di riforestazione, come quello della Grande Muraglia Verde (1), sono utili, ma sono implementati “a valle” del deserto e nulla possono per migliorare il suolo già degradato e coperto di sabbia.

Quello che non possono fre i grandi alberi è invece perfettamente fattibile dai piccoli batteri, come mostra una interessante ricerca dell’università di Wuhan, dal significativo titolo “Artificially Accelerating the Reversal of Desertification: Cyanobacterial Inoculation Facilitates the Succession of Vegetation Communities“.

Dune di sabbia sono state inoculate con cianobatteri (simili a quelli che produssero la catastrofe dell’ossigeno oltre 3,5 miliardi anni fa) e sono anche stati piantati dei salici. La sola presenza dei salici non ha permesso la ricostituzione del suolo, cosa che invece è avvenuta con il contributo dei cianobatteri che hanno contribuito a fissare le particelle di  suolo con le loro lunghe catene filamentose.

Il contenuto di carbonio organico del suolo è passato in 8 anni da 0,5 g/kg a 7 g/kg sul lato solegiato delle dune e a ben 17 sul lato in ombra dove lo spessore del suolo raggiunge i 9 mm.

Sono risultati straordinari, ottenuti partendo da zero e senza mirabolanti biotecnologie, ma utilizzando in modo intelligente ciò che la natura ci mette a disposizione. Le dune rinate alla vita ora ospitano ben 27 diverse specie di piante.

I cianobatteri verrano usati per proteggere i lati delle strade e delle ferrovie e i confini dlle oasi. Il team del’universtià di Wuhan pensa di trattare ben 133 km² di territorio nei prossimi cinque anni.

(1) Questa muraglia non va confusa con l’analogo progetto africano, di cui ecoblog ha parlato a suo tempo.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa