Seguici su

Uncategorized

Etna: un meraviglioso video in timelapse

L’eruzione dell’Etna di novembre scorso in un video in timelapse

Lo spettacolo dell’Etna in eruzione regala sempre immagini altamente suggestive e ricche di meraviglia: questo video girato da Angelo Firri, che lo ha segnalato alla redazione di Happyblog.

La prima parte del video è stata girata il 23 novembre del 2013 con una Canon 600d, 400 pics ISO 3200, 250mm, f 5,6, exposure 0,6s: regala un’emozione fortissima fin quasi nella bocca del vulcano, mostrando la potenza della terra appena al di sopra delle case illuminate. Quel sabato dal cratere Sud-Est dell’Etna si è levata una colonna di fumo di circa tre chilometri di altezza e si è anche attivata una fontana di lava che ha continuato ad eruttare fino alle 14.30.

I comuni più colpiti dalla pioggia di lapilli sono Piedimonte, Linguaglossa e Fiumefreddo.
Per una mezz’ora è stata chiusa anche l’autostrada Catania-Messina in entrambe le direzioni, tra i caselli di Giarre e Giardini Naxos, a scopo precauzionale in seguito alla pioggia di cenere lavica, così come chiuso per qualche ora è stato anche l’aeroporto di Catania.

La seconda parte è stata girata il 16 novembre 2013, qualche giorno prima, sempre con una Canon 600d, ma questa volta 310 pics ISO 800, 50mm, f 3,2, exposure 5s, per via della condizioni di luce decisamente più luminose. Anche quell’eruzione fu spettacolare quando, a partire dalla tarda serata precedente, il cielo si è tinto di rosso grazie alle alte fontane di lava emesse dal nuovo Cratere di Sud-Est. Contemporaneamente forti boati hanno interessato tutto il catanese, udibili sino a Catania e anche nel messinese.

Via | Angelo Firri su Youtube

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa