Seguici su

Uncategorized

E’ guerra tra Francia e Mali per uranio e petrolio. E l’Italia offre logistica

Petrolio e Uranio gli interessi della Francia in Mali.

Mettete da parte jidaisti, terroristi e operazioni umanitarie e concentratevi sulla posizione geografica del Mali, ex colonia francese stretto tra Algeria e Mauritania: ecco svelate le vere cause della guerra aperta dalla Francia. Il perché è presto detto: il Mali è una ex colonia francese e vi abitano molti cittadini d’oltralpe. La Francia conserva con il Mali relazioni commerciali privilegiate. Ma il Mali è sopratutto un paese in posizione strategica, crocevia tra il Niger dove Areva estrae uranio che alimenta le centrali nucleari francesi di EDF; la Mauritania, paese ricco di petrolio dove la francese Total è presente dal 2005 e l’Algeria primo partner commerciale della Francia. La prova del 9: perché intervenire in Mali e non in Siria?

L’operazione è stata battezzata Serval e dovrebbe durare pochi giorni ma già la situazione inizia a preoccupare la Francia dopo che oggi pomeriggio è stato annunciata la presa in ostaggio di 41 lavoratori di un sito estrattivo della BP tra francesi, norvegesi e americani. ma le radici di questo conflitto affondano nel marzo del 2012 quando dopo il colpo di Stato a bamako contro l’ex presidente Amadou Toumani Touré il Mali del Nord è stato preso sotto il controllo dei jidaisti e terroristi. Parigi chiese senza successo l’intervento militare internazionale da condurre congiuntamente dai paesi vicini al Mali e all’Occidente, ma senza successo. La regione a mano a mano è caduta sotto il controllo di gruppi islamisti Al-Qaeda del Maghreb Islamico (AQIM), Ansar Dine e il Movimento per l’unicità e la Jihad in Africa occidentale (Mujao). Parigi ha iniziato a temere attacchi contro la Francia.

Così non appena gli estremisti islamici si sono avvicinati pericolosamente a Bamako giovedì scorso, l’Eliseo ha deciso di intervenire. Il ministro per la Difesa Jean-Yves Le Drian ha detto:

La minaccia è la costituzione di uno stato terrorista a portata di Europa e Francia. Abbiamo tre obiettivi: fermare l’offensiva in corso,evitare che questi gruppi causino ulteriori danni e mettano in pericolo la stabilità del Paese e proteggere i 6000 cittadini francesi in Mali.

Noi italiani intanto, forniremo i mezzi per la logistica, dopo gli accordi strappati per la TAV non possiamo tirarci proprio indietro.

Via | Metro France,
Foto | Centimetri

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa