Ben Affleck 1,50 dollari al giorno per fare la vita del povero

Vita low cost per il premio Oscar, per cinque giorni vivrà sotto la soglia di povertà

Dell’amico Matt Damon e del suo impegno per l’ambiente Ecoblog si è occupato molto spesso, ora il regista e attore Ben Affleck dopo aver messo a segno la doppietta Oscar-Golden Globe con Argo ha deciso di fare voto di sobrietà e di vivere, per cinque giorni, con 1,50 dollari ovvero la cifra che viene considerata dall’ONU come la soglia di povertà.

Dal 29 aprile al 3 maggio Affleck – presto nei cinema italiani con il magnifico To The Wonder di Terrence Malick – vivrà con la cifra a disposizione di 1,4 miliardi di persone per mangiare e bere. Il “test” di Affleck rientra nelle iniziative di Live Below the Line, cioè “vivere sotto la linea” di povertà. Oltre ad Affleck, sicuramente la star più nota a prendere parte all’iniziativa, con lui ci saranno il cantante Josh Groban (che ha già fatto l’esperienza lo scorso anno), l’attrice Sophia Bush e gli chef Debi Mezar e Gabriele Corcos. Questi ultimi studieranno pasti giornalieri da 1,50 dollari seguendo regole molto severe: eventuali snack o cibi presenti in dispensa non saranno ammessi a meno che il loro costo non venga calcolato nel computo complessivo. Ma la vera sfida sarà quella di continuare a fare tre pasti al giorno. Come? Imparando a mangiare in modo creativo. L’unica concessione è l’acqua del rubinetto, per i prodotti dell’orto, invece, occorrerà calcolare le spese di produzione.

Dunque regole chiare: in cinque giorni non si potranno superare i 7,5 dollari di spesa. Anche grazie all’adesione di Affleck l’iniziativa ha ottenuto parecchio risalto sui media statunitensi e sta raccogliendo, attraverso l'omonimo sito, parecchie donazioni sul suo sito con le cinque campagne parallele di Stati Uniti, Canda, Regno Unito, Australia e Nuova Zelanda.

Via | Live Below the Line

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail