Gennaio 2014, terzo mese invernale più caldo degli ultimi due secoli

Due gradi in più a gennaio rispetto alla media trentennale 1971-2000 con punte di 3-3,5 gradi nel nord est. Più pioggia al nord, meno al sud.

L'Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima ha rilevato che il gennaio 2014 ha fatto registrare temperature di oltre due gradi (+2.1 per l'esattezza) superiori alla media del periodo di riferimento 1971-2000, collocandosi al terzo posto tra i mesi di gennaio più caldi dal 1800 ad oggi (dopo il 1804 e il 2007, con anomalie di +2.4 e +2.3 rispettivamente).

Come si vede dalla mappa qui sotto, l'Italia Settentrionale ha registrato gli aumenti maggiori con punte di 3-3,5 °C in più nel nord-est.

Temperature Italia Gennaio 2014

Le precipitazioni sono state piuttosto abbondanti su gran parte del territorio italiano, facendo registrare una anomalia di +86% (rispetto alla media del periodo 1971-2000) a livello nazionale (il 19-esimo gennaio più piovoso dal 1800 ad oggi).

Le anomalie più importanti si sono avute nella parte settentrionale della penisola dove, mediamente, sono caduti oltre due volte e mezzo i millimetri che solitamente si osservano a gennaio (+ 160%, con punte nel Nord-Est che superano di oltre le quattro volte le piogge medie di quelle zone), facendo chiudere il mese per l'Italia Settentrionale come il terzo più piovoso di sempre: era dal 1845 che non si registrava un'anomalia simile nel Nord Italia. Salento e Sicilia sono invece in controtendenza con una diminuzione delle precipitazioni tra il 25 e il 50%.

Precipitazioni Italia gennaio 2014

  • shares
  • Mail