Fukushima Daiichi a 3 anni dall'incidente nucleare in Giappone c'è ancora pericolo di esplosioni

A 3 anni dall'incidente nucleare alla centrale di Fukushima Daiichi dopo il terremoto e lo tsunami dell'11 marzo 2011 il rischio di esplosioni resta ancora elevato mentre iniziano le manifestazioni di commemorazione delle vittime e anti nucleare in Giappone e nel resto del mondo

A 3 anni dall'incidente nucleare di Fukushima Daiichi avvenuto l'11 marzo 2011 resta in atto il pericolo di esplosioni poiché come rileva NRDC Natural Resources Defence Council nel rapporto Preventing Hydrogen Explosions In Severe Nuclear Accidents pone l'accento sul pericolo di esplosioni causate dall'idrogeno che potrebbero causare nuovi incidenti. TEPCO recentemente ha ammesso che la situazione a Fukushima Daiichi non è nel pieno controllo: appena lo scorso 20 febbraio si è registrata l'ennesima consistente perdita di acqua radioattiva da una cisterna.

Sayonara Nukes

Sayonara Nukes nel giorno del terzo anniversario di Fukushima


Tra oggi e domani è anche tempo di manifestazioni per commemorare sia le vittime sia per chiedere che mai più si faccia ricorso all'energia nucleare. Hanno sfilato a Tokyo stamane in migliaia gridando lo slogan Sayonara Nukes e hanno marciato verso il Parlamento per chiedere la fine del nucleare. La manistazione è solo una delle tante in programma in Giappone prevista tra oggi e domani, terzo anniversario dell'incidente di Fukushima.

Le manifestazioni vogliono sopratutto far pressione sul Primo Ministro Shinzo Abe intenzionato a riavviare alcuni dei 48 reattori nucleari e costringerlo a fare marcia indietro rispetto all' impegno da parte del precedente governo di ridurre la dipendenza del paese dal nucleare. Ma Abe ha a che fare con una crescita vertiginosa delle importazioni di petrolio il che sta danneggiando l'economia nipponica.

Via | Asahi Shinbun


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 142 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO